Home

Menu Utente

Accesso



Chi c'è online

 4 visitatori online

CARABINIERI

www.carabinieri.it

RT

 

L'Occidentale

L'Occidentale

L' Unico

L' Unico

www.sampietrino.it

sampietrino.it

www.caldenno.it

CONVENZIONI RT

MOTOCLUB MOTODEPOCAROMA

 

CENTRO MEDICO CARAVAGGIO

 

INSEGNE ANTICHE

HSA ITALIA

 
SIGNOR SINDACO, ORA CHE FACCIAMO? PDF Stampa E-mail
Scritto da Ricominciamo da Trevi   
Venerdì 28 Gennaio 2011 05:54

 

SIGNOR SINDACO, ORA CHE FACCIAMO?

Dopo la pausa ordinaria per le vacanze di Natale e dopo quella straordinaria per il rimpasto della giunta, che prima o poi si ricominci a lavorare, più che una certezza è una speranza.

Sul tavolo ci sono sempre gli stessi problemi posti dal centro di Roma e che l’amministrazione si tira dietro ben da prima delle recenti interruzioni lavorative e sin da tutte le precedenti gestioni. Problemi che vertono sostanzialmente sull’uso degli spazi pubblici manifestati da una complessità di modi di agire impropri e lesivi, più consoni ad un parco giochi artificiale, anarchico e di basso profilo, che ad una città storica.

Se le logiche dell’investimento imprenditoriale sono volte ad ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, quando tale principio è applicato nel convincimento che il minimo sforzo non debba mai scendere al di sotto di una minima qualità da garantire nell’offerta di un prodotto che sappia e voglia distinguersi, rappresentando un inevitabile costo che si ripercuote sul diverso prezzo logicamente ammesso in un contesto di pregio, ciò è funzionale al risultato aziendale ed è sempre un bene. Cioè questa dovrebbe essere la condizione ottimale di base, per una qualsiasi attività svolta nella zona storicamente di maggior pregio della città.

Ma è difficile domandarsi di che qualità si parli nell’organizzazione imprenditoriale delle bande di extra comunitari occupati nelle vendite su strada abusive di ombrelli ed oggettistica da pochi centesimi. Così per quelle bancarelle che hanno un prodotto simile, o forse semplicemente uguale, a noti marchi posti in vendita nelle stesse zone e nelle stesse strade in cui hanno sede le blasonate case titolari e relativi punti vendita ufficiali.

Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Gennaio 2011 06:27
Leggi tutto...
 
NESSUN COLPEVOLE PDF Stampa E-mail
Scritto da Ricominciamo da Trevi   
Venerdì 17 Dicembre 2010 14:33

 

Carissimi Soci ed Amici di RT,

il 14 di dicembre è stata portata la guerra nel centro storico facendo apparire ridicoli i soliti tormentoni sul traffico e sulle bancarelle.

Poi, come se nulla fosse accaduto, nemmeno dopo 24 ore avevamo già una certezza,

 

NON ESISTE NESSUN COLPEVOLE!

 

Vorrà dire che abbiamo sognato! Vorrà anche dire, come alcuni vorrebbero fare credere, che se fosse dipeso solo da loro, quella sarebbe stata una giornata gioiosa dedicata al pacifico confronto ed allo scambio di sorrisi. Quindi semmai è davvero accaduto qualcosa di male… bè la colpa sarà di certo di:

Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Dicembre 2010 15:32
Leggi tutto...
 
RECENTI DAL CENTRO STORICO e DAMNATIO MEMOARIAE PDF Stampa E-mail
Scritto da Ricominciamo da Trevi   
Venerdì 26 Novembre 2010 06:39

Il Comune presenta il nuovo piano della mobilità, arrivano le Isole Ambientali. E con la pedonalizzazione proposta per fasi, ecco anche le auto, le bici ed i furgoni in sharing. Il libero accesso alle auto elettriche e la spazzatura che diventa pneumatica. Vedremo. Ma la notizia che ha del miracoloso, è che si materializzano i posti auto e gli accessi riservati ai residenti. Alleluia!

Dopo gli anni delle tentate pedonalizzazioni veltroniane, RT ha ormai il dente avvelenato con chi viene a proporre soluzioni demagogiche a misura di teorico e/o di politico, che non hanno nessuna capacità di tenere conto delle reali esigenze del cittadino. Ma l'intento del duo Alemanno-Gasperini sembrerebbe ispirato ad una visione prospettica di ampio respiro. Staremo a vedere e non faremo mancare il nostro contributo. Solo la spazzatura pneumatica invero ci sorprende un po’ pur essendoci già occupati in passato della materia, ma non bisogna disperare. Magari funziona. Purché in quei condotti pressurizzati nessuno ci butti dentro un gattino od un bambino! Ricordate il "Cassonetto differenziato" di Elio? Poi che nessuno pensi che i tubi ad aria compressa potrebbero tornare utili per spedire una bomba a qualcuno dall’altra parte della città! Vedremo, appunto. Nell'immediato, ci preme invece sopravvivere e per farlo ci contentiamo di rimanere con i piedi per terra e vicini ai problemi quotidiani del cittadino. Di quello che in centro ci abita, di quello che ci lavora, di quello che viene a visitarlo. Perché i problemi di tutti e tre, vertono attorno ad una sola parola: mobilità!

Ultimo aggiornamento Venerdì 26 Novembre 2010 08:15
Leggi tutto...
 
GUERRA NEL CENTRO STORICO PDF Stampa E-mail
Scritto da Ricominciamo da Trevi   
Giovedì 16 Dicembre 2010 05:56

 

QUALE ALTRO AFFRONTO DOVRAI SUBIRE ROMA? 

Avremmo voluto riferire dell’ultimo incontro avuto con il Delegato del Sindaco per discutere del Tridente. E del Tridente e non solo ci ritroviamo a parlare. Ma solo per via della guerra che I SOLITI IGNOTI hanno scatenato ieri 14 dicembre 2010. Data da ricordare.

Dire che non ce lo saremmo aspettato sarebbe mentire. Ma noi siamo solo una piccola associazione di cittadini e non conta.

Supporre che chi doveva averlo previsto lo temesse è quasi certo. Come è altrettanto certo che chi sta per strada a farsi massacrare è reso impotente da un sistema che impedisce addirittura di PROIBIRE anche quanto di pericoloso ed oltraggioso sta per accadere. In Italia va ancora così.

Allora vogliamo dire che quelli che stanno per strada a fare da scudo umano a tutti noi, sono tutti ragazzi o padri di famiglia. Percepiscono uno stipendio uguale a quello di un portalettere, che non ha nessuna colpa, ma che a loro confronto corre solo il rischio di essere rincorso da un cane o prendere freddo. Loro invece stanno lì in strada a ricevere insulti, sassi, bombe, sprangate. A loro strappano le divise di dosso e bruciano i mezzi. E con loro la città e la gente che dovrebbero/vorrebbero difendere.

Ma ognuna di quelle divise insultate ed offese rappresenta lo Stato e quindi tutti noi.

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Dicembre 2010 06:28
Leggi tutto...
 
PIU' PESCE PER TUTTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Ricominciamo da Trevi   
Venerdì 05 Novembre 2010 09:06

Più pesce per tutti.

La notizia era giunta volando sulle ali leggiadre di un’agenzia nei primi di agosto ma, leggera come una piuma, sfuggì all’attenzione dei più, resi purtroppo insensibili dagli oziosi trastulli estivi.

Ed ecco che nel mese di novembre, a spiagge chiuse e popolo desto, compattamente rientrato in città, ritorna con una comunicazione ufficiale datata 6 agosto: il Municipio I proclama - nuovamente - il proprio gemellaggio con il Comune di Ventotene! Evviva!

Complimenti per l’indispensabilità dell’iniziativa! Effettivamente, ormai annoiati dall’impeccabile perfezione con la quale girano le sfere della macchina municipale, altro non aspettavamo. Né di meglio potevamo chiedere.

Apprendiamo anche, e ci rincuora, che l’importante deliberazione è stata assunta con voto unanime. Grazie ad una mite opposizione coralmente unita ad una ancora più mite maggioranza che, ma non si sa come, dovrebbe governare ormai non si sa cosa. Così, fraternamente ed innocuamente uniti, ci danno oggi piena contezza del fatto che, dal mese di agosto, qualche cosa di importante sia stata decisa. E sia!

E' pur vero che, per significare al mondo che, quando ce vò ce vò, e che gli animi sono combattivi e per nulla fiaccati, ogni tanto in municipio volano pure sedie e paroloni... Ma poi, distanza e discordia cessano, e nell'impellenza di decidere cose importanti, quindi se piantare la propria bandiera in un nobile e ricercato posto al sole, tutti si sono trovati profondamente d'accordo.

Tant'è! 

In fin dei conti,

Ultimo aggiornamento Venerdì 05 Novembre 2010 15:58
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL
Banner
Copyright © 2013 Ricominciamo Da Trevi. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

IL CROCIFISSO NON SI TOCCA

Una certa Europa

vorrebbe sopprimere

anche il simbolo della croce.

 

Art. 10 dello Statuto RT 

"Sono valori preminenti

e riconosciuti

COME FONDANTI

dall’Associazione

i seguenti principi:

1.) "Principio di rispetto

della storia e dei luoghi

in armonia con il valore

della tradizione

sia in ambito di

costume sociale

che spirituale

che religioso".

... OMISSIS ...

3.) Principio di

conservazione del patrimonio

culturale e spirituale

affidatoci

dalla plurimillenaria

storia della città

di Roma.

4.) Principio della

doverosa difesa

dei valori/beni affidati

dagli oltraggi a cui

potrebbero

venire esposti".

... OMISSIS ...

 

Conformemente

RT

pone il

crocifisso

sulla prima pagina.